Tour in barca dell’arcipelago di Stoccolma

arcipelago Stoccolma

Tutti conoscono la Svezia per Stoccolma, la dinamica capitale, ricca di fascino e grazia, che si estende su 14 isolette.
In pochi sanno, però, che – proprio di fronte – si affaccia un insieme di isole, alcune piccolissime, visitabili con un tour in barca o comunque ben collegate da traghetti che consentono di spostarsi facilmente da una all’altra. Si tratta dell’arcipelago di Stoccolma, o anche chiamato il “giardino delle rocce”: più di 30mila isole, grandi rocce e atolli, con le loro tipiche case colorate e un via-vai di vele.

Non possiamo non consigliare – anche se il tempo a disposizione è poco – di fare un tour in barca per ammirare i panorami meravigliosi che regala l’arcipelago, per godere di passeggiate in bici o a piedi nella natura incontaminata, per vivere esperienze in kayak o per assaggiare una cucina di tutto rispetto.

Perché visitare l’arcipelago di Stoccolma?

L’arcipelago di Stoccolma comprende isole molto diverse tra loro, ma accomunate da una natura grandiosa, e a tratti selvaggia, oltre a un poco conosciuto aspetto culturale: alcune di queste isole hanno ispirato fortemente artisti e scrittori molto famosi.

La maggior parte delle guide turistiche consiglia di andare a fare un tour nell’arcipelago di Stoccolma per la bellezza naturale delle isole.

Ma l’arcipelago di Stoccolma è anche un luogo ideale per escursioni all’aperto, kayak, pesca e molto altro.
Se lo sport non è quello che cercate, ci sono anche villaggi carini, ottimi ristoranti e spiagge per nuotare e prendere il sole.

Su quali isole fermarsi

L’arcipelago di Stoccolma si divide in settentrionale, centrale e meridionale.

Ecco di seguito la lista delle isole dell’arcipelago svedese sui cui consigliamo di fermarsi:

  • Vahholm è forse l’isola più rappresentativa per comprendere le altre. Abitata durante tutto l’anno, è punteggiata delle pittoresche abitazioni caratteristiche.
  • Kymmendö è situata nell’arcipelago meridionale ed è sede di una comunità molto riservata e compatta; qui August Strindberg ha composto alcuni dei suoi romanzi, tra cui Maestro Olof e Mare aperto, in cui ha inevitabilmente preso spunto dalla vita dell’isola.
    I suoi abitanti, però, non ne furono contenti e lo bandirono da Kymmendö per sempre.
  • Runmarö, una delle isole più vaste, ospita sentieri naturalistici che percorrono tutta la costa, laghi e villaggi ed è conosciuta per la sua particolare varietà di orchidee. Qui, vi adorava trascorrere le vacanze estive Tomas Transtromer, premio Nobel per la letteratura; nelle sue poesie egli ha spesso fatto riferimento all’atmosfera dell’isola e al senso di pace che gli regalava.
  • Utö è forse la più famosa meta estiva, anche grazie alle sue spiagge.
    Consigliamo di visitare le miniere di ferro (oltre al museo e alle abitazioni dei minatori), le più antiche del Paese.
  • Sandhamn è una piccola isola (solo un quarto di chilometro quadrato!), molto vivace nel periodo estivo , mondana e perfetta per la vela; la Compagnia Reale svedese di vela, infatti, organizza le regate più importanti che vengano tenute nel mar Baltico.

    L’isola è davvero suggestiva: una parte è coperta da spiagge sabbiose e ampie pinete, l’altra è puntellata da antiche case in legno, edifici di fine novecento e servizi più moderni che accolgono i turisti o gli amanti di sport acquatici.
    E’ a Sandhamn che Stieg Larsson, nella trilogia Millenium, situa la casa in cui il protagonista medita e si riposa.

  • Husarö è l’isola più selvaggia dell’arcipelago, ricchissima di mirtilli. Stieg Larsson, che dimorava qui, la nomina in Millennium.
  • Viggsö è ricordata soprattutto perché gli Abba realizzarono qui uno studio dove comporre le proprie canzoni (che è stato ricostruito nell“ABBA the Museum” situato sull’isola di Djurgården).

Come si raggiunge l’arcipelago di Stoccolma

L’arcipelago è raggiungibile con traghetti che partono dall’imbarcadero vicino al Palazzo Reale di Stoccolma.
In ogni caso, passare da un’isola all’altra è molto facile grazie a efficienti traghetti e una rete capillare di tratte!

Non tutte le isole sono raggiungibili con i traghetti pubblici, ma molte di esse sono invece facili da visitare con i traghetti della Waxholmsbolaget, la compagnia utilizzata dagli abitanti della città.

Un’alternativa sono le barche della  Cinderella e Strömma Kanalbolaget che trovate dal molo a Strandvägen.

Queste generalmente offrono connessioni con le isole molto più veloci, ma sono costose ed è sempre meglio prenotarle in anticipo.

Tour dell’Arcipelago di Stoccolma

Sono moltissimi i tour dell’arcipelago tra cui scegliere. Un consiglio: non prendete solo parte al tour più breve (a Fjäderholmarna). Avrete viste bellissime della città, ma sentirete poco del vero fascino di questo luogo.

Sono molte le isole che è possibile visitare con un tour di 1 giorno e altri che permettono di fermarsi più di un solo giorno: alcune isole infatti offrono hotel e servizi per i pernottamenti, tenete questa opzione in mente se avete tempo sufficiente.

La maggior parte dei turisti sceglie un’isola nell’arcipelago centrale, semplicemente perché è la più vicina a Stoccolma e quindi un po ‘più facile / veloce da raggiungere.
Ci sono molte grandi opzioni qui e le recensioni delle gite panoramiche in barca sono anche grandi nel complesso.

L’arcipelago meridionale di Stoccolma riceve meno visitatori, ma ha alcune destinazioni di spicco, come Landshort, quindi tenetelo in considerazione. Anche le crociere panoramiche qui sono raccomandate.

Infine, l’arcipelago settentrionale sembra diverso dal punto di vista panoramico. Le isole sono più sparse, quindi c’è più mare aperto. Avrete vedute più ampie.
Andateci in una giornata di bel tempo con mare calmo per evitare di soffrire un po’ di mal di mare.

Tags from the story
Written By
More from Redazione

I trasporti pubblici: Come muoversi a Stoccolma

Uno degli aspetti più importanti da prendere in considerazione quando si sta...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *